ARCHIVE
L’esperienza della Regione Puglia: reagire all’emergenza garantendo la continuità dei processi esistenti

L’Agenda Digitale assume grande rilevanza all’interno della Regione Puglia, ciò soprattutto in seguito alla forte domanda di tecnologia rilevata durante il lockdown cui fa seguito un’altrettanta notevole richiesta nello sviluppo di adeguate politiche pubbliche.

La settimana digitale – La Fase 3, gli Stati Generali e l’indice DESI

E’ con le riunioni degli Stati Generali, l’attivazione ufficiale dell’app Immuni e i dubbi su un’eventuale rilancio di Industria 4.0 (che potrebbe diventare Impresa 4.0 Plus) che l’Italia riparte davvero.

Sondaggio Covid-19 e Smart Working

Dall’inizio dell’epidemia Covid-19, a fine febbraio 2020, le aziende italiane si sono trovate nella situazione di dover far fronte a una crisi molto grave, con impatti diretti sulla stessa continuità operativa del business

Perché lo smart working non è quello che sembra

Superata la fase di emergenza acuta adesso è tempo di bilanci: ricostruire vuol dire, infatti, anche imparare dagli errori del passato e partire dalle esperienze positive.

Prosegue la corsa dei Desktop Virtuali

La situazione vissuta dalle aziende negli ultimi mesi è stata eccezionale, un “esperimento globale” di lavoro da casa, come hanno detto in molti. Quello che una volta era un privilegio per pochi, nel giro di pochi giorni è diventato un obbligo per tutti.

Stato e prospettive della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

Le Pubbliche Amministrazioni italiane, caratterizzandosi per un’elevata differenziazione, richiedono interventi basati sulle diverse realtà amministrative e volti ad accompagnare i singoli processi nel percorso di cambiamento.

Tecnologie digitali per la riorganizzazione del lavoro nel settore pubblico e privato

Dall’osservatorio Microsoft si sta assistendo alla grande diffusione di alcune tematiche (smart working, cloud) soprattutto in Italia, uno dei Paesi che è cresciuto di più sia in termini di utilizzo degli strumenti sia di investimenti dedicati.

Sì allo smart working ma solo se regolamentato

Un’analisi della CGIL rileva la necessità di regolamentare lo smart working per garantire al dipendente il diritto «a disconnettersi» e il giusto bilanciamento tra lavoro e vita personale. La discussione sarà affrontata il prossimo 5 giugno durante la web conference di TIG.