ARCHIVIO
Progettare lo smart working per le organizzazioni e per il lavoro del futuro*

Sullo smart working , le opinioni sullo scenario che si verificherà una volta terminata l’emergenza sono diverse. Da un estremo c’è chi ritiene che verrà ripristinato lo status quo (in cui il lavoro smart coinvolgeva principalmente alcune   grandi imprese), dall’altro chi propone di continuare tutti a lavorare da remoto.

La settimana digitale – Continuano a peggiorare le previsioni del PIL

Bankitalia e Ocse rivedono al ribasso le precedenti stime sulla crescita del PIL in Italia nel 2020 mentre per Microsoft la pandemia e il lockdown hanno notevolmente modificato la cultura del lavoro. L’ufficio del futuro? Sarà caratterizzato da incontri fisici e collaborazione da remoto.

La settimana digitale – Il Rapporto Istat e il mercato della pubblicità digitale

L’Istat pubblica il Rapporto annuale 2020 secondo cui in Italia i potenziali smart workers sono circa 8,2 milioni; per TrendMicro in Italia 3 lavoratori da remoto su 4 hanno sviluppato più consapevolezza sulla cybersecurity. In difficoltà la pubblicità digitale di Google e Facebook: interviene l’Antitrust inglese.

La settimana digitale – Il crollo del PIL e il dibattito sullo smart working

FMI stima che nel 2020 il PIL italiano diminuirà del 12,8%. Dal primo agosto lo smart working tornerà ad essere volontario ma rimane molto apprezzato dai dipendenti. Per la prima volta Google potrebbe vedere diminuire le revenue provenienti dal digital advertising.

La settimana digitale – La Fase 3, gli Stati Generali e l’indice DESI

E’ con le riunioni degli Stati Generali, l’attivazione ufficiale dell’app Immuni e i dubbi su un’eventuale rilancio di Industria 4.0 (che potrebbe diventare Impresa 4.0 Plus) che l’Italia riparte davvero.

La settimana digitale – PIL ancora in calo e boom di installazioni per Immuni (ma non per tutti gli smartphone)

Bankitalia e Istat continuano a rivedere al ribasso le stime del PIL per il 2020 mentre parte il contact tracing in Italia: se da un lato per Immuni è boom di download, dall’altro l’app non è compatibile con tutti gli smartphone.

Lo scenario macroeconomico: crisi a V, recessione o depressione?

Il momento delicato che l’economia globale sta vivendo, a causa dell’evoluzione della pandemia COVID-19, rende difficile prevedere una ripresa economica a “V”. Ciò appare vero in particolare per l’Italia, che sta oggi vivendo uno scenario di “Hammer and Dance”.

La settimana digitale – Le stime UE e le tensioni su “Immuni”

La Commissione Europea stima per il 2020 una caduta del PIL Italia pari al 9,5%. Ancora nel caos la vicenda relativa all’app “Immuni” mentre indaga il Copasir. Ma il Covid-19 avvicina gli italiani al mobile e online banking. 

Font Resize
Contrasto