LE TECNOLOGIE DIGITALI E LA SALUTE

La Pandemia ha accelerato fortemente l’impatto delle tecnologie digitali sull’ intero sistema sanitario, e la dilatazione degli spazi dovuta al Covid ha dato slancio allo sviluppo della telemedicina e delle tecnologie abilitanti (cloud, 5G, collaboration e AI), evidenziando l’importanza strategica dei dati.

Negli ultimi 2 anni abbiamo vissuto un’accelerazione fortissima nell’uso degli strumenti digitali a supporto dell’assistenza sanitaria, soprattutto domiciliare:

  • Solo tra la primavera del 2020 e quella del 2022 abbiamo visto realizzare, principalmente negli Ospedali e spesso in collaborazione con le aziende, 287 progetti di telemedicina (circa il 70% in più di quanto realizzato negli anni precedenti la pandemia).
  • La spesa per tecnologie digitali degli enti sanitari territoriali (ASL/AOSL) supererà a fine 2022 i 900 milioni (circa il 50% in più rispetto al 2019). Principalmente per sviluppare progetti di digitalizzazione dei dati sanitari tramite cartelle cliniche elettroniche.
  • L’utilizzo delle televisite è triplicato tra i MMG e quadruplicato tra gli specialisti rispetto al pre-covid.

La conferenza offrirà l’opportunità di ragionare in maniera prospettica sugli investimenti in tecnologie e in telemedicina.

 

LA FUTURA EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE E I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI PER IL TERRITORIO

La Missione 6 del PNRR ha come obiettivo il rafforzamento dell’assistenza territoriale, attraverso le Case di Comunità, gli ospedali di comunità, le strutture sanitarie di potenziamento dell’assistenza domiciliare e l’integrazione dei servizi. Reti di prossimità, centralità effettiva del cittadino/paziente nel sistema sanitario del nostro Paese, rapporto ospedale/territorio, pubblico/privato. Quale ruolo per i Medici di Medicina Generale (MMG)?

Un secondo aspetto, molto importante, è il rinnovamento del parco tecnologico, con più di tremila sostituzioni previste per macchinari come quelli di TAC, risonanza, acceleratori, angiografi.

C’è poi un terzo aspetto, che riguarda sia la programmazione regionale e nazionale sia l’organizzazione e la gestione delle aziende sanitarie e ospedaliere.

La conferenza farà il punto sulle direzioni di sviluppo in atto nel Servizio Sanitario Nazionale e sui nuovi modelli di sviluppo per il territorio.

 

DAL FASCICOLO SANITARIO A UN ECOSISTEMA DEI DATI SANITARI

Per quanto riguarda il Fascicolo Sanitario Elettronico il PNRR ha messo sul piatto 1,67 mld di euro e Agenas, insieme al Ministero della Salute e al Ministero della Trasformazione Digitale, ha messo a punto le linee guida nazionali per creare un sistema di interconnessione dei dati di salute, basato sull’evoluzione del Fascicolo Sanitario Elettronico.

I dati sanitari rappresentano il perno centrale della rivoluzione digitale in atto nel settore della Salute: ma qual è il trade-off accettabile tra la costruzione di un vero e proprio ecosistema dei dati sanitari e la tutela della privacy?

La Conferenza offrirà l’opportunità si fare il punto sullo stato della raccolta, digitalizzazione, standardizzazione e integrazione dei dati sanitari, dello sviluppo del SSE e delle piattaforme digitali del settore.

 

LE NUOVE PROGETTUALITA’

Nel corso della conferenza, i partecipanti – Rappresentanti delle Regioni e delle Pubbliche Amministrazioni, Responsabili delle varie organizzazioni del SSN e delle Aziende operanti nella fornitura di tecnologie e servizi digitali per la Sanità – saranno invitati a illustrare che tipo di progettualità stanno sviluppando per scaricare a terra le risorse del PNRR.

Attraverso i loro contributi, l’uditorio potrà avere una panoramica delle innovazioni tecnologiche e organizzative che stanno prendendo forma.

 

SEDE DELL’EVENTO

ASL Roma 1, Borgo Santo Spirito, 3, Roma

Font Resize
Contrasto